FITNESS E SPORT - BODYBUILDING E POWERLIFTING

Addominali: non solo crunch

di FabioP • 17 maggio 2012 • Inserito in: Articoli

Con l’arrivo della bella stagione, insieme ad allergie ed eritemi solari, arrivano inesorabili altri malanni stagionali quali la “sindrome da vestito dell’anno scorso” (che deve essersi ristretto stando nell’armadio…l’anno scorso ci andava bene, ora non riusciamo ad entrarci…), il morbo “devo tonificare di un paio di chili”, ma soprattutto il terribile virus della “tartaruga ad ogni costo” ! ! !

E via, gente che non si è mai vista in palestra nei mesi precedenti a fare crunch, sit-up, leg raise e tutte le loro varianti, nella speranza di (ri)trovare al più presto la tanto amata “tartaruga”, ovvero “gli addominali” in vista, senza contare tutti quelli che comprano attrezzi più o meno improbabili venduti su ben noti canali di shopping e che si allenano a casa (per non più di una settimana…).

Un paio di precisazioni:

1) gli “addominali”(intendendo i sei quadratini) ci sono, solo che sono coperti dal grasso…se volete che si vedano, togliete l’adipe in più;

2) non è facendo centinaia di ripetizioni che “brucerete il grasso localizzato”…il bruciore è acido lattico, che si riversa nel sangue e viene smaltito nel giro di un paio d’ore  al massimo;

Ok, ora che ho attirato la vostra attenzione con questa introduzione “furba”…vi lascio in sospeso qualche giorno prima di arrivare al vero argomento di questo articolo: come allenare in maniera intelligente gli addominali, cioè rispettandone la funzione. Lo so, sono un po’ sr**zo, ma “non è colpa mia…mi disegnano così” !

Ah, già…prima liquidiamo definitivamente i lettori che vogliono “la tartaruga”: ok, per quest’anno è tardi, a settembre iscrivetevi in palestra, prendete uno dei programmi nella sezione “Programmi di allenamento” (nel frattempo sarà piena zeppa, fidatevi), fate anche attività cardiovascolare un paio di giorni a settimana e tenente d’occhio la dieta, evitando gli eccessi…in pratica, tenetevi in forma TUTTO L’ANNO invece di “svegliarvi” quando è troppo tardi :-)

Per tutti gli altri: buona seconda parte !

Commenti

No, dai…non è possibile partire cosi’ :) Chi cacchio vuoi che continui a leggere ?

Con il primo articolo ti sei perso tutti i lettori…dovrai riconquistarli ;)

Domandina …

quindi far vedere la tartaruga , magari anche tutto il resto (obbligui ecc…), è solo questione di smaltire grasso addominale oppure bisogna pensare anche ad ipertrofizzare il muscolo?

esistono strategie per eliminare il grasso in una determinata area del corpo oppure è tutto un miraggio?

Distinguiamo fra teoria e pratica: ho letto uno studio del 2010 che osservava come lo sforzo anaerobico su un distretto muscolare attivasse la circolazione del sangue e quindi la successiva attività aerobicaavesse più probabilità di attingere grasso dalle riserve poste accanto al muscolo appena lavorato. In pratica, SECONDO QUESTO STUDIO (se riesco a trovarlo lo posto), in deficit calorico, alternando (ad esempio) fra una serie di addominali e un 5-10min di aerobica, si potrebbe orientare il dimagrimento più sull’addome. Sinceramente credo sia teoria, e se magari è vera, è pur sempre un effetto marginale.

Per rispondere alla tua domanda, direi che dipende dal soggetto: chi ha un po’ di adipe, ovviamente, deve dare la priorità al dimagrimento, chi è secco secco farebbe bene a “ipertrofizzarsi” ovunque,anche sugli addominali.

In linea generale, se non si vedono è perché sono coperti dal grasso.

Opinione personale: gli addominali sono sopravvalutati :-D Uno Steve Reeves aveva meno addominali di un qualsiasi fotomodello di oggi, ma il suo fisico è su un’altra galassia rispetto a quei “secchetti con la tartaruga”.

Bhe in effetti non c’è niente di più antiestetico di un secco con la tartaruga che tiene ore ed ore gli addominali in contrazione per “farli vedere” tirandosela pure

dho…non ho capito…. per secchi ti riferivi ai fotomodelli.

Ciao Fabio! ecco una mia considerazione… Per un po’ di tempo ho eseguito il Dragon Fly. Ora lo sto decisamene abbandonando in favore di crunches, isometrie (i vari plank) e qualche microciclo di sovraccarico… I risultati li sto vedendo cmq… la mia domanda è: reputi il dragon fly un esercizio valido (se non addirittura superiore a quelli che ho elencato) oppure può anche essere trascurato?

p.s. devo leggere ancora la seconda parte XD

Ciao, Konstant; reputo il dragon fly un ottimo esercizio, ma più sul versante delle “skills” (abilità) a corpo libero. Come i muscle-ups richiedono buona forza e coordinazione, ma non sono indispensabili per sviluppare una bela schiena, allo stesso modo i dragon fly sono UN esercizio fra tanti.

Trackbacks

 

« | Torna alla Home | »

  • Aggiungimi su Facebook